Utilizziamo i cookie tecnici per essere sicuri che tu possa avere una migliore navigazione sul nostro sito.
Accedi all'informativa estesa per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Ok, ho capito!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie.

  • 493-014.jpg
  • 8763_911050059015597_1116139898427157845_n.jpg
  • 940835_910996355687634_7472613494605215865_n.jpg
  • 10151950_910994059021197_2643200730350671755_n.jpg

sesto trofeo partenzaQuesta 6^ edizione del Trofeo Monte Acuto Marathon, lascerà sicuramente il segno.
Mai come questa volta ci siamo trovati in difficoltà' a scrivere un commento, sopratutto dopo il trofeo Monte Acuto, questa volta vogliamo iniziare con un grazie a voi tutti, perché' siete voi atleti e dirigenti delle varie società che con la vostra partecipazione avete fatto grande questa manifestazione, voi attori principali, voi per i quali abbiamo lavorato tanto sacrificando il nostro tempo, qualche ora di sonno e qualche allenamento... Grazie a voi abbiamo raggiunto grandi numeri, 297 atleti all'arrivo, un numero elevato per gare su strada che non siano mezze maratone (che tendenzialmente li superano) 70 in più della passata edizione e 33 in più rispetto al nostro record che è di 264; grazie anche per i numerosi messaggi di stima e affetto ricevuti, prima, durante e dopo la gara. Ma al di la dei numeri che sono altresì importanti, la cosa che e' rimasta più mpressa a noi organizzatori e' il grande clima di amicizia che ha caratterizzato questa sesta edizione del trofeo Monte Acuto Marathon, infatti gia' durante l'allestimento della zona partenza e arrivo, in tanti si sono fatti avanti per manifestare l'approvazione per un qualcosa che ancora non era iniziato, durante la gara dove non sono mancati dei simpatici siparietti carnevaleschi, vedi le gemelline diverse nei panni di Pierpaolo Stefanopoli e Gegia, la banda bassotti composta da Paolo Usai, Pierluigi Salis, Andrea Burreddu e Vittorio Carboni, e dopo la gara quando a causa di un malore che ha colpito sia un corridore, sia il presidente provinciale della Fidal Enrico Pinna, per la cronaca stanno bene tutti e due, quando ben quattro atleti in camice bianco si sono prodigati in attesa dell'arrivo dei mezzi di soccorso. Grazie anche al fautore dell'abbondante e ottimo rinfresco, nonché' proprietario del ristorante l'Opera Michelone Taras, ma anche a tutto il suo staff (cuochi e cameriere). Un'altro ringraziamento importante va ad Angelo della Fotosintesi autore dei bellissimi scatti che a breve verranno pubblicati su questo sito, all'amministrazione comunale tutta, alle forze di polizia, agli sponsor, ai volontari della Lavoz, Scout, Compagnia Barracellare e privati.Tutti ingranaggi di una ruota che per girare ha si bisogno di una regia, ma che senza la loro presenza non potrebbe girare al meglio.Quindi non possiamo che ritenerci soddisfatti e archiviare questa sesta edizione.Per la cronaca, vince il Sardo/Marocchino Abdelkader Oualid (Civitas Olbia), che scrive per la quarta volta il suo nome nell'albo d'oro della manifestazione, davanti a Pasquale Rutigliano dell'Esercito, terzo Troia Daniele (CA.RI.RI.).Prima delle donne una bravissima Eleonora Bazzoni (Running Club Futura) davanti ad Elena Fratus dell'Atletica Portotorres.La società più numerosa è stata I Guerrieri del Pavone; la nostra società ha onorato la gara con 41 presenze, bravissimi tutti.

Linea Diretta...
Fausto SolinasTore ScanuLuigi MundulaVirgilio Pirastru
  • 1
  • 2