Utilizziamo i cookie tecnici per essere sicuri che tu possa avere una migliore navigazione sul nostro sito.
Accedi all'informativa estesa per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Ok, ho capito!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie.

  • 493-014.jpg
  • 8763_911050059015597_1116139898427157845_n.jpg
  • 940835_910996355687634_7472613494605215865_n.jpg
  • 10151950_910994059021197_2643200730350671755_n.jpg

Il decennale del Trofeo Monte Acuto Marathon, non è una semplice gara podistica ma un vero e proprio evento;
Infatti, oltre che l’aspetto agonistico che sarà dato dalla gara maestra, dal percorso ormai conosciuto e, oltre che atteso, ormai consolidato nel tempo, ci saranno un susseguirsi di attività, una giornata di SPORT e non solo, che si concentreranno sotto un unico nome appunto, ‘Trofeo Monte Acuto Marathon’.
Al via il 15 marzo alle ore 9.00 in Piazza Carlo Alberto ci sarà Simona Atzori, madrina della manifestazione, un’artista di origine Sarda nata senza le braccia che ha dimostrato, lottando, che nonostante l'handicap, riesce, a raggiungere l'eccellenza nella pittura, nella danza e nella scrittura.
Dalle parole del nostro collaboratore Tore Pala “Alberto vieni fuori” …è un tempo della vita, dalle parole del film ‘La Musica nel Cuore’  di August Rush ‘Ascolta...la senti? La musica! Io la sento dappertutto: nel vento, nell'aria, nella luce... è intorno a noi, non bisogna fare altro che aprire l'anima non bisogna fare altro che ascoltare’, dalla ‘gara’ che sosterranno i malati SLA, in collaborazione con l’Unità Operativa di Anestesia e Cure Intensive Domiciliari, che ci sarà prima della partenza della competizione agonistica, contemporaneamente a tanti altri disabili che arriveranno da ogni parte della Sardegna, questo sarà il messaggio che il gruppo organizzatore vuole trasmettere in quest’occasione:
ANDARE AVANTI NONOSTANTE LE DIFFICOLTÀ!!!
Subito dopo ci sarà la breve corsa non competitiva degli alunni, insegnanti e genitori delle scuole ‘Infanzia-Primaria-Media’ degli Istituti Comprensivo N° 2, che, con la loro partecipazione, vogliono testimoniare la vicinanza ai malati di SLA, cercando di sensibilizzare la comunità sportiva e non.
Un piccolo gesto di solidarietà al momento del ritiro della maglietta, disegnata dai bambini in occasione della manifestazione, servirà ad aiutare la ricerca e l'assistenza.
Al via della gara competitiva, si uniranno agli agonisti, anche le persone che intenderanno farsi una sgambata senza scopi di risultato, una gara non competitiva sulla distanza di 4 chilometri circa che ricoprirà parte del percorso destinato agli atleti più allenati…
E non solo:
Grazie alla collaborazione del maestro/istruttore Mauro Pirino, della Scuola Sarda del Cammino, si terrà una camminata ludico-sportiva di 4 km circa aperta a tutti, e di 12 km circa per i praticanti più allenati della disciplina del ‘Fitwalking’, e in grado di terminare la distanza entro 1h30’;
Mauro e il suo staff spiegheranno cos’è il ‘Fitwalking’ (l’arte del camminare), il cammino visto come attività sportiva, per la salute, il benessere, per stare insieme, per aiutare gli altri.
La Scuola Sarda del Cammino, sarà presente per illustrare a tutti questa tecnica e camminare insieme.
Per tutti i partecipanti alla camminata Fitwalking, la Scuola Sarda del Cammino, con i suoi istruttori eseguirà, prima della partenza, una simpatica attività di riscaldamento di gruppo guidato che sarà anche propedeutica alla tecnica del Fitwalking stesso.
Infine, dopo le premiazioni di rito dei due Memorial Angelo Polo, socio fondatore della società, Professor Luigi Salis, personaggio di spicco dell'atletica locale, e dopo il meritato ristoro, per festeggiare alla grande alle 17:00 presso il Teatro Civico di via Satta, Simona Atzori danzerà, racconterà di sofferenza e speranza per testimoniare che la vita è armonia...  Sempre!
Per l’occasione sarà intervistata dall’Antropologo Clinico Paolo Monformoso, un medico di prima linea, che opera nel quotidiano in condizioni limite, cercando di dare assistenza a malati estremi in quel tenue confine tra la vita e la morte, in questa terra delle domande senza risposta, in questo mistero che tutto avvolge unisce e separa in emergenza, ma è soprattutto nel malato inguaribile cronico che il medico si deve fermare sulla soglia di questo mistero e riflettere in silenzio, un silenzio che è più del vuoto della parola ma è il rispetto della persona che soffre.
Vi aspettiamo numerosi, perchè è vero, e ne siamo la testimonianza, che l'UNIONE FA LA FORZA!!!

Per saperne di più visita il sito della manifestazione www.monteacutomarathon.com/trofeo_monte_acuto

Linea Diretta...
Fausto SolinasTore ScanuLuigi MundulaVirgilio Pirastru
  • 1
  • 2