Utilizziamo i cookie tecnici per essere sicuri che tu possa avere una migliore navigazione sul nostro sito.
Accedi all'informativa estesa per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Ok, ho capito!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie.

  • 493-014.jpg
  • 8763_911050059015597_1116139898427157845_n.jpg
  • 940835_910996355687634_7472613494605215865_n.jpg
  • 10151950_910994059021197_2643200730350671755_n.jpg

Quando presentai l'undicesima edizione del Trofeo Monte Acuto e scrissi "non sarà la maratona di New York" mi riferivo ai numeri, all'incitamento e al calore che la folla della Grande Mela trasmette agli atleti!
Certo Ozieri è Ozieri... e l'aplomb quasi inglese del suo pubblico non permette di esternare certe emozioni o determinato trasporto, ma la società con questa edizione ha capito che questa gara può nel tempo dare delle soddisfazioni emozionali!
L'entusiasmo dei preparativi alle prime ore della mattinata, la partecipazione di associazioni, il colore degli atleti, la scelta di musiche in sintonia con la cultura sarda e della nostra città, centro del Logudoro, lo scintillio di medaglie e coppe adagiate nella gradinata di una delle piazze più belle dell'isola, ad uno, che ha corso 35 maratone in tutto il mondo, hanno creato molta emozione;
Forse perché sono medico, quello sparuto gruppo di disabili, il gruppetto dei non vedenti della Red Dragon di Sassari, ha creato all'inizio della gara un’emozione fantastica!
Ci ha ricordato che la nostra società è nata con questi ideali, valori e la gara di marzo avrà sempre uno spazio per loro.
La gara agonistica è stata arricchita da un gruppetto di giovani atleti che hanno incoraggiato dall'inizio alla fine tutti i concorrenti con urla da stadio e cercando il "cinque" dei protagonisti, dopo che loro lo erano stati nelle gare delle giovanili!
Una bella cornice atletica emozionale, ho ricevuto tanti complimenti per questa animazione all'arrivo ed i complimenti li giro a quei ragazzi dell’Alasport, la pizza se la sono veramente meritata!
Piccoli segnali, ma importanti, per una gara che Ozieri merita però che necessita di fiducia ed incoraggiamento!
La parte tecnica? La riporta uno striminzito articolo della Nuova Sardegna di Roberto Spezzigu!
A me onestamente importava di più coinvolgere il più possibile persone che per una ragione o per l'altra non sono mai presenti alle gare;
Il presidente è tutta la società hanno tutto il tempo per dimostrare che sanno organizzare gare anche dal punto di vista tecnico: appuntamento alla mezza maratona di novembre, valevole per il titolo regionale di mezza maratona.
Il presidente Fausto Solinas


Linea Diretta...
Fausto SolinasTore ScanuLuigi MundulaVirgilio Pirastru
  • 1
  • 2