Utilizziamo i cookie tecnici per essere sicuri che tu possa avere una migliore navigazione sul nostro sito.
Accedi all'informativa estesa per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Ok, ho capito!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie.

dimagrire correndoE' ormai piena estate e tutti quanti, quanto meno nel segreto della propria stanza, hanno fatto la sempre temuta "prova costume". Quando lo specchio ci restituisce un'immagine di noi non all'altezza delle nostre aspettative, corriamo ai ripari, nella speranza di poter sfoggiare in spiaggia una silouette decorosa. Ecco quindi le scelte più diverse: le diete del minestrone, quelle del melone, quelle della banana... E accanto a loro: lo sport! La quotidiana corsetta per smaltire i chili di troppo.
Sembra tutto semplice: "mangio meno, una qualche corsetta e, come per magia, perdo i 5-6 kg di troppo!" E' quì che cominciano le sorprese: spesso il peso non cala, a volte sembra di non avere energia per poter correre e il sogno di un ventre piatto si allontana sempre più inesorabilmente. Gli ingredienti per smaltire i grassi in eccesso sono sicuramente una dieta bilanciata e qualche ora di attività fisica alla settimana ma la loro sinergia è fondamentale per ottenere i risultati sperati.
L'allenamento
Molti vorrebbero vedere i risultati di un effettivo dimagrimento dopo la prima seduta di corsa... Questo purtroppo non è possibile; anche la differenza di peso rilevata tra la misurazione prima e dopo l'allenamento non è indicativa del grasso perso ma dell'acqua persa tramite sudore. Ci vuole costanza per poter percepire gli effetti benefici dell'allenamento; dopo le prime due o tre settimane di allenamenti regolari, due o tre volte alla settimana, si percepisce già un benefico effetto del condizionamento atletico. Che allenamenti fare? Meglio correre forte o lentamente? Sebbene sia indubbio che la corsa lenta e prolungata (anche oltre l'ora) consenta di mobilitare i depositi lipidici addominali e quindi debba essere la tipologia di allenamento più praticata, anche sedute di lavoro con ripetute o allunghi sono utili per variare le tipologie di sforzo.
L'alimentazione
Mangiare bene quando si fa sport è fondamentale; la tentazione forte di chi deve dimagrire in fretta è di mangiare meno e cominciare ad allenarsi molto intensamente con il risultato immediato di non riuscire a fare buoni allenamenti per mancanza di energie e poca condizione atletica. Diminuire l?apporto di grassi è sicuramente una buona regola ma non bisogna far mai mancare carboidrati (il carburante per i nostri muscoli) e proteine (per rigenerare la massa magra) alla nostra dieta. Un'adeguata quantità di frutta e verdura, inoltre, garantisce un buon apporto di vitamine e aiuta a prevenire gli stati di disidratazione che lo sport, soprattutto se praticato a climi caldi, può provocare!
E se non dimagrisco?
E' abbastanza frequente che persone che non praticano attività sportiva, quando inizino gli allenamenti registrino un lieve aumento di peso. Questo è abbastanza normale e dipende dalla massa muscolare che aumenta e ha un peso maggiore rispetto a quella grassa che diminuisce; in questi casi però si dovrebbe immediatamente vedere un cambiamento nella figura e una riduzione del girovita. Se così non fosse è indubbio che si debba consultare uno specialista. Il parere di figure professionali esperte è comunque sempre consigliabile e permette di evitare errori: un allenatore e un medico dello sport sono professionisti in grado di dare indicazioni personalizzate e tarate sulle esigenze di ognuno!


Linea Diretta...
Fausto SolinasTore ScanuLuigi MundulaVirgilio Pirastru
  • 1
  • 2