Utilizziamo i cookie tecnici per essere sicuri che tu possa avere una migliore navigazione sul nostro sito.
Accedi all'informativa estesa per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Ok, ho capito!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie.

La Marathon des Sables è una delle più affascinanti ed impegnative corse del nostro pianeta, questa si svolge nel sud Marocchino tra le dune del deserto del Sahara e pietraie che richiedono una maggiore attenzione nel corso della gara.
Alla competizione partecipano persone provenienti da tutto il mondo, si può correre singolarmente oppure a squadre mentre nella classifica finale sono previsti premi sia ai singoli (categoria uomini e donne) nonché alle squadre partecipanti.
La Marathon des Sables si svolge su di un percorso di circa 243 km di lunghezza con gare giornaliere suddivise in sei tappe (33,8 km-38,5-km-35 km-81,5 km – 42,2 km – 15,5 km); la velocità oraria dei concorrenti varia dai 3 ai 13 km orari per i maratoneti professionisti: tra questi c'è sempre la presenza di atleti Marocchini avvantaggiati dal conoscere i luoghi dove si svolge la gara e l'ubicazione dei pozzi d'acqua.
Ogni concorrente deve portarsi appresso uno zaino contenente l'acqua, il materiale e il cibo per la propria sopravvivenza di tutta la settimana di gara. , bussola e generi di pronto soccorso personale, sebbene lungo il percorso è prevista la presenza di personale  medico pronto ad intervenire in caso di necessità; i problemi più comuni sono le escoriazioni e i colpi di calore e più in generale altri legati alle alte temperature.filippo_deserto
Non dimentichiamo che la competizione si svolge in buona parte nel deserto del Sahara dove si registrano temperature molto elevate nell'ordine di 47/48 gradi all'ombra con sbalzi termici consistenti nel corso della notte.
Durante ogni tappa della Marathon des Sables il concorrente può disporre di 9 litri di acqua elargita presso i checkpoint lungo il percorso, solitamente posti a distanze di circa 10/12 km l'uno dall'altro. Al via di ogni tappa partono prima i concorrenti classificati dal 60° posto in avanti quindi i maratoneti "professionisti" che in classifica generale occupano i primi 60 posti. Da sottolineare l'obbligatorietà di ritiro dell'acqua , infatti qualora il concorrente non ritirasse la propria razione, viene penalizzato di 30 minuti. Caratteristica della gara è che non esiste un tempo limite nella tappa se non quello scandito da un cammello che accompagnato a piedi da un berberocce si incammina dopo la partenza dell'ultimo concorrente. Se poi uno o più atleti vengono raggiunti dal cammello, si viene squalificati.
Al temine della tappa giornaliera i concorrenti alloggiano in tende allestite dall'organizzazione che ogni mattina alle 5 circa vengono smontate dai berberi che sono al seguito della manifestazione per essere poi rimontate nella località di arrivo della tappa e sede di partenza della tappa successiva.
Il percorso non è mai segnalato ed è per questo che gli atleti partecipanti utilizzano la bussola, determinante per non uscire fuori rotta o fuori percorso. Inutile dire che questo è durissimo infatti oltre che per le temperature è proprio il tracciato che con i suoi tratti sabbiosi, rocciosi spesso vede l'attraversamento di tratti in mezzo all'acqua, attraversamento che viene fatto su rocce e pietre molto scivolose che mettono a dura prova i partecipanti. Cosa dire poi delle altissime dune dove la gamba affonda quasi al ginocchio e dove la velocità anche degli atleti professionisti non supera i 10 minuti a Km. Ad aggravare tutto ciò, ma allo stesso tempo a rendere più affascinante questa massacrante gara, è il riposo notturno che viene fatto su sacco a pelo praticamente in terra.
In considerazione di tutto ciò non possiamo esimerci dallo stigmatizzare e esaltare l' ottima prestazione dell'amico Filippo Salaris alla 27^ edizione Marathon des Sables 2012, che si è svolta nel Sahara marocchino dal 11 al 15 aprile 2012.
Il nostro Filippo, debuttante, nonostante un malore nella prima tappa e l'essersi perso nell'infinito percorso, come già detto mai segnalato, per buoni 15' nella penultima tappa, la maratona, è giunto 7° assoluto lottando alla pari con dei veri professionisti nella specialità.
Anzi se non fosse stato per gli inconvenienti della prima e quinta tappa, avrebbe ottenuto con facilità il 5 posto.


Linea Diretta...
Fausto SolinasTore ScanuLuigi MundulaVirgilio Pirastru
  • 1
  • 2