Utilizziamo i cookie tecnici per essere sicuri che tu possa avere una migliore navigazione sul nostro sito.
Accedi all'informativa estesa per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto "Ok, ho capito!" o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie.

santiago de compostela 2014 2Il Cammino di Santiago de Compostela è, fin dal Medioevo, un lungo percorso che i pellegrini intraprendono, attraverso la Francia e la Spagna, per giungere al santuario di Santiago de Compostela appunto, presso cui ci sarebbe la tomba dell'apostolo Giacomo il Maggiore.
Le strade francesi e spagnole che compongono l'itinerario sono state dichiarate dall'UNESCO Patrimonio dell'umanità.
Quest’anno abbiamo avuto la fortuna di portare la nostra bandiera anche li, infatti, sono partiti alla volta di Santiago il 4 ottobre Marisa Petretto, Caterina Marini, Giampiero Desortes, e Guido Lella, che, per una volta, anno accantonato la corsa per cimentarsi nella faticosa camminata, accompagnati dagli amici Elena, Pietro, Vittorio, Antonio e Rossana.  
Partenza da Sarria in Spagna, il punto di partenza più gettonato dai pellegrini, in cinque giorni il gruppo ha percorso 116 chilometri.
Racconta Marisa - Delle bellissime giornate hanno accompagnato questa nostra avventura, il paesaggio è molto interessante con vari campi di mais, boschi di castagne, alberi di melo e tantissime fattorie con granai e bestiame di vario genere - ;
Durante il percorso si passa per Barbadelo dove si può ammirare la chiesa romanica di Santiago del XII secolo attraversando la vera Galizia rurale.
Aggiunge Giampiero - Non è un percorso facile, numerose variazioni di pendenze, strade sterrate, ponti di legno e di pietre che dominano piccoli ruscelli, sono la caratteristica di questo tragitto dove si può incontrare tanta gente che saluta sempre con un ‘ola’ o un ‘buen camino’ -.
Quindi si prosegue per Orgade (solo una casa), Ferreiros, Vilachá e Portomarín;
Un particolare che ha sottolineato Caterina è la segnalazione del percorso - il percorso è segnato da frecce di notevole grandezza di colore giallo, in prossimità delle pietre miliari che segnano il chilometraggio di ogni tappa -.
< Nel terzo giorno si va da Palas de Rei ad Arzu'a > dice Guido - lungo questo tragitto si trova il Castello do Pambre, un’antica strada romana e un ponte medievale dal secolo XIV, molto suggestivi - ; Nella quarta tappa invece, da Arzu'a verso Pedrouzzo - si procede in gran parte tra boschi di eucalipto, ma la stanchezza inizia a farsi sentire - aggiunge Guido - abbiamo stretto i denti però perché consci che il giorno dopo saremo arrivati finalmente Santiago de Compostela -
Dopo cinque giorni di cammino quindi, arrivo alla maestosa cattedrale di Santiago de Compostela, i nostri coraggiosi atleti hanno assistito alla messa del pellegrino, dove, anche attraverso il botafumeiro (un grande turibolo presente nella Cattedrale di San Giacomo a Santiago de Compostela risalente al XIX secolo), hanno ricevuto la benedizione;
Singolare la funzione dell’incensiere nel passato, infatti, veniva utilizzato prevalentemente per coprire il forte odore emanato dai pellegrini che affollavano la cattedrale nella quale spesso trovavano ricovero per la notte, solo recentemente ha assunto la funzione che gli è propria.
Il cammino infine è stato garantito dall’ufficio del pellegrino che attesta il KM e il tuo nome in latino.
L'ultimo giorno i nostri camminatori si spostano a Finestere per l'ultimo atto del cammino, li tutti i pellegrini si affacciano verso l'oceano buttando le conchiglie e bruciando un indumento indossato durante il cammino.

Guarda una piccola raccolta fotografica....


Linea Diretta...
Fausto SolinasTore ScanuLuigi MundulaVirgilio Pirastru
  • 1
  • 2